Inserti Intracorneali o Anelli Intrastromali per cheratocono a Roma e Milano – ICRS: INTACS o Ferrara Rings

INSERTI INTRACORNEALI O ANELLI INTRASTROMALI PER CHERATOCONO

 

A conferma della necessità di effettuare il trapianto corneale solo come ultima, seppure utile, possibilità terapeutica, anche altri chirurghi nel mondo hanno cercato di sviluppare nuove tecniche chirurgiche per evitare, appunto, il trapianto stesso. Un anno dopo lo sviluppo della Mini Cheratotomia Radiale Asimmetrica (MARK) da parte del dott. Abbondanza, dunque nel 1994, alcuni chirurghi degli Stati Uniti d’America hanno ideato una tecnica chiamata ICRS, sigla che sta a significare Intra-Corneal Rings Segments, ossia Inserti Intracorneali o Anelli Intrastromali.

 

Gli Inserti Intracorneali / Anelli Intrastromali nello spessore della cornea

                                                  

Animazione video dell’impianto di Anelli Intrastromali – Inserti Intracorneali

 

L’intervento consiste nell’impiantare all’interno della cornea, nello spessore corneale, degli anelli di materiale plastico rigido, i quali hanno lo scopo di rinforzare la cornea stessa esattamente nei punti di maggiore debolezza e/o di appiattire il profilo della lente corneale in corrispondenza della zona ottica. Tali anelli agiscono come un rinforzo meccanico della parte malata della cornea solamente se il cono ha un impianto più periferico.

La reale dimensione degli Inserti Intracorneali / Anelli Intrastromali

I risultati sono discretamente soddisfacenti, ma confermano anche la necessità di intervenire molto precocemente per essere garantiti. Attualmente gli interventi di ICRS più praticati utilizzano due diversi tipi di Anelli Intrastromali o Inserti Intracorneali, gli “INTACS” ed i “Ferrara Rings”, o Anelli di Ferrara. Le due metodiche consentono di intervenire su cornee con caratteristiche diverse sia nello spessore sia nella curvatura. Come nel caso della tecnica microchirurgica MARK, anche gli Inserti Intrastromali, sia INTACS che Anelli di Ferrara, possono essere combinati con il trattamento Cross-linking corneale.

 

Il dott. Marco Abbondanza, nel corso della sua trentennale esperienza, è diventato uno dei massimi esperti del cheratocono e uno dei maggiori fautori della chirurgia conservativa del cheratocono, avendo introdotto in Italia il Cross-linking corneale (2005) ed avendo ideato lui stesso nel 1993 una tecnica microchirurgica per evitare il trapianto di cornea, la Mini Cheratotomia Radiale Asimmetrica (MARK). Per tali ragioni, è stato intervistato dai più noti programmi televisivi e dai maggiori giornali italiani, nel corso degli anni. Ha, inoltre, stabilito il primo protocollo italiano di collaborazione scientifica con il Save Sight Institute dell’Università di Sydney, proprio allo scopo di rafforzare la ricerca sul cheratocono.

 

 

Vai alla pagina della chirurgia conservativa per cheratocono

 

 

Prendi appuntamento

 

 

Torna alla home page

Visit Us On FacebookVisit Us On Youtube